Casa di riposo Domus Santa Rita, attività ricreative

Gli anziani meritano una costante attenzione ed è compito dei loro cari farli sentire preziosi, importanti e, soprattutto attivi, magari attraverso delle specifiche attività ricreative. Adottare uno stile di vita ricco di stimoli, caratterizzato da attività adeguate all’età che avanza, porta tanti effetti positivi: queste contribuiscono a mantenere il cervello allenato, lucido e vigile, favoriscono la socializzazione, migliorano il movimento delle articolazioni, stimolano la memoria e tendono ad evitare che l’anziano finisca per soffrire di forme depressive. Con l’avanzare dell’età, l’uscita dal mondo del lavoro, il tempo libero a disposizione, gli anziani spesso perdono i punti di riferimento abituali: gli orari, gli scambi quotidiani con i colleghi, le giornate scandite da diversi impegni. Questo può determinare la sensazione di aver perso il proprio ruolo e la propria identità, e di sentirsi poco utili. Non bisogna sottovalutare questi sentimenti legittimi e frequenti. Spingere l’anziano alle attività ricreative non rappresenta un modus per impiegare il loro tempo libero, ma una vera e propria terapia utile a mantenere in salute corpo e mente. In caso di problemi di salute e patologie invalidanti, esistono attività ricreative adatte a qualsiasi situazione, per mantenere un minimo di attività motoria delle articolazioni. La proposta delle attività ricreative da svolgere all’interno della casa di riposo Domus Santa Rita nasce principalmente a seguito di uno studio meticoloso dei bisogni che emergono da ciascun anziano. L’obiettivo della Casa di Riposo Domus Santa Rita è quello di stimolare le capacità cognitive e creative di ogni anziano, di favorire la socializzazione e di consolidare la fiducia degli ospiti nei confronti di se stessi e degli altri. Per ulteriori informazioni sulla nostra struttura e le attività ricreative contattaci o vieni a trovarci a Roma in Via Bolzano, Marina di Ardea.

Alzheimer, come riconoscerlo

Nonostante l’Alzheimer sia tra le malattie più note e preoccupanti della nostra epoca, imparare a riconoscerla sembra essere ancora difficile. A tal proposito, l’American Alzheimer Association ha pubblicato i 10 campanelli di allarme per la malattia di Alzheimer, per aiutare a riconoscere eventuali sintomi che possano preludere all’emergere del morbo di Alzheimer.

10 sintomi per riconoscere il morbo di Alzheimer

  1. Andare in confusione ed avere dei vuoti di memoria: uno dei segnali più comuni del morbo di Alzheimer è la perdita di memoria, soprattutto il dimenticare informazioni apprese di recente. Altri segnali sono il dimenticare date o eventi importanti;
  2. Non riuscire più a fare le cose di tutti i giorni: Alcune persone possono sperimentare cambiamenti nella loro capacità di sviluppare e seguire un programma o lavorare con i numeri;
  3. Difficoltà nel parlare o nello scrivere: Chi soffre del morbo di Alzheimer può avere difficoltà a seguire o a partecipare a un discorso. Queste persone possono fermarsi nel bel mezzo di una conversazione e non avere alcuna idea di come continuare, oppure può accadere che si ripetano;
  4. Confusione di tempi e luoghi: le persone che soffrono del morbo di Alzheimer possono perdere il senso delle date, delle stagioni e del passare del tempo. Possono avere difficoltà a capire qualcosa se non avviene immediatamente. A volte, possono dimenticarsi dove si trovano o come sono arrivati lì;
  5. Difficoltà a capire le immagini visive e i rapporti spaziali: Tali individui possono avere difficoltà a giudicare la distanza e a stabilire il colore o il contrasto. In termini di percezione, essi possono passare davanti a uno specchio, e pensare che qualcun altro sia nella stanza.
  6. Non trovare le cose e perdere la capacità di ripercorrere i propri passi: tale problematica può portare l’anziano a perdere effetti personali importanti, come il libretto degli assegni o a immaginare che qualcuno lo abbia derubato;
  7. Ritiro dal lavoro o dalle attività sociali: le persone che soffrono del morbo di Alzheimer possono iniziare a rinunciare a hobby, attività sociali, progetti di lavoro o attività sportive;
  8. Sbalzi d’umore repentini: l’umore e la personalità delle persone che soffrono del morbo di Alzheimer possono cambiare. Essi possono diventare confusi, sospettosi, depressi, spaventati o ansiosi. Possono essere facilmente suscettibili a casa, al lavoro, con gli amici o nei luoghi nei quali sono al di fuori della loro zona di comfort;
  9. Ridotta o scarsa capacità di giudizio: Chi soffre del morbo di Alzheimer può sperimentare cambiamenti nel giudizio o nel processo decisionale.
  10. Difficoltà nel completare gli impegni famigliari a casa, al lavoro o nel tempo libero: Le persone che soffrono del morbo di Alzheimer hanno spesso difficoltà a completare le attività quotidiane.

Se riconosci almeno quattro di questi campanelli d’allarme, è importante cercare il consiglio di un medico specializzato, per accertarsi delle reali condizioni del tuo caro.

Ricorda che un malato di Alzheimer può essere assistito in strutture dedicate, che offrono tutti i servizi e le cure necessarie per garantire benessere e sicurezza al tuo caso. Contatta la casa di cura Domus Santa Rita per maggiori informazioni.

spiaggia per anziani

Casa di riposo Roma spiaggia privata

Gli effetti delle ondate di calore possono provocare danni alla salute, in particolare alle persone della terza età, più esposte ai disturbi provocati dalle temperature elevate. Vivere bene l’estate è possibile, ma è necessario proteggersi dal caldo e dall’umidità. Una casa di riposo sul mare riesce, già solo grazie alla location ad offrire un servizio in più ai propri ospiti. La piacevolezza del mare, le temperature miti per gran parte dell’anno, la possibilità di fare passeggiate sul bagnasciuga, godendo non solo della bellezza del paesaggio, ma anche della salubrità dell’aria, sono solo alcuni dei vantaggi offerti da una struttura per anziani vicina al mare, come la Casa di Riposo Roma Domus Santa Rita, a Marina di Ardea. L’aria di mare non tiene lontano solo caldo e afa, principali nemici della salute degli anziani: il mare ha per gli anziani il magico potere di riattivare energie sopite e di ringiovanire e riportare vigoria alla mente e al corpo. Camminare a piedi nudi sulla spiaggia è un vero e proprio esercizio fisico che attiva vari gruppi muscolari e determina la trasmissione al sistema nervoso centrale di una serie di segnali provenienti dalle strutture anatomiche di piedi e arti inferiori. Queste stimolazioni favoriscono il controllo complesso dell’equilibrio e della deambulazione. Brevi passeggiate ed escursioni al mattino restituiscono una vitalità e una gioia molto preziose per il benessere psicofisico degli anziani. La Casa di Riposo Roma Domus Santa Rita dispone, inoltre, di una spiaggia attrezzata e sicura per rispondere alle esigenze degli ospiti e creare piacevoli momenti di relax e convivialità. La nostra spiaggia è aperta anche ai familiari per consentire di trascorrere qualche ora in compagnia del proprio caro circondati da un’atmosfera suggestiva in un ambiente sicuro e attrezzato. Per maggiori informazioni sulla nostra casa di riposo con spiaggia attrezzata vieni a trovarci a Roma in Via Bolzano, Marina di Ardea oppure contattaci ai num. 06 913423 – 06 9134668. Siamo a tua disposizione per ogni informazione!

casa di riposo domus santa rita

Casa di Riposo Domus Santa Rita, la qualità della vita

Quando lo stato di salute di un anziano è precario, specie quando non è più autosufficiente o non ha familiari che possono accudirlo e sopperire ad ogni tipo di esigenza fisiologica e di aiuto per eseguire i compiti quotidiani, si pone la necessità di scegliere il modo più corretto per migliorare la qualità della sua vita. In alcune situazioni gli anziani con problemi di salute possono presentare patologie di tipo intellettivo, ad esempio la demenza senile o altre patologie associate, come il morbo di Parkinson, ed avere bisogno di un’assistenza continuativa. In altri casi lo stadio di queste patologie potrebbe essere così avanzato da non permettere più d’interagire con l’anziano in modo normale, ponendo l’esigenza di un’assistenza professionale e consapevole. Diventa fondamentale cercare una struttura che lo possa accogliere ed assistere in modo adeguato. La decisione non è mai semplice per i familiari che si vedono costretti da una serie di circostanze a doversi separare dal proprio congiunto. La Casa Di Riposo Domus Santa Rita è una struttura destinata ad anziani non autosufficienti, ma che si presta anche a quelle persone che non vogliono o non possono stare da sole in casa e rappresenta un’alternativa importante per condividere e convivere con coetanei che vivono la stessa condizione. La Casa Di Riposo Domus Santa Rita garantisce sicurezza e professionalità, grazie all’attento supporto di uno staff specializzato e continuamente aggiornato. La Casa di Riposo Domus S.Rita dispone di un ambiente ricco di stimoli, luoghi dove socializzare, riunirsi e svolgere attività ricreative e intellettualmente stimolanti. Per maggiori informazioni sulla nostra Casa di Riposo Roma, visita il nostro sito web o vieni a trovarci presso Via Bolzano, 32 Marina di Ardea (ROMA).

DEMENZA FRONTOTEMPORALE

La demenza fronto-temporale è una patologia neurodegenerativa che colpisce principalmente la parte frontale e laterale del cervello e causa anormalità del comportamento, della personalità, del linguaggio e del movimento. A differenza delle altre demenze, che affliggono generalmente persone di oltre 65 anni di età, la demenza frontotemporale tende a manifestarsi anche in persone più giovani. Questo tipo di demenza ha caratteristiche diverse dall’Alzheimer, nonostante spesso vengano confuse con la conseguenza di diagnosi tardive e terapie non idonee. L’accuratezza della diagnosi è un ambito su cui la ricerca sta investendo numerose energie. I sintomi non interessano la memoria, ma il comportamento: cambiamenti nella personalità, comparsa di apatia, irritabilità, mancanza di iniziativa, trascuratezza. In alcuni casi i malati colpiti da DTF presentano deficit del linguaggio, forme di afasia progressiva con perdita della capacità di parlare e, in altri, anche un deficit intellettivo, la demenza semantica che comporta un’erosione di tutte le conoscenze acquisite nel corso della vita. I disturbi possono non essere presenti tutti insieme e la loro gravità può essere variabile da persona a persona. Con il progredire della malattia, possono rendere la normale attività quotidiana sempre più difficile, fino ad arrivare alla perdita dell’autosufficienza. Ad oggi non ci sono cure per la demenza frontotemporale, ma uno studio italiano, presentato ad Oslo, al congresso della European Accademy of Neurology, promette di rallentare la progressione della malattia migliorando alcune funzioni cognitive e comportamentali dei pazienti. Lo studio ha dimostrato come la molecola PeaLut sia in grado di controllare il meccanismo neurodegenerativo, poiché anche nel caso della demenza frontotemporale la neuroinfiammazione è coinvolta in tale processo neurodegenerativo sin dalle prime fasi della malattia, prevenendo il danno neuronale e potenzialmente ritardando il decorso della patologia. E’ stato eseguito uno studio pilota: dopo un mese di trattamento con la molecola PeaLut i pazienti riportavano un miglioramento del 15% ed una riduzione di disturbi comportamentali del 20%, presentandosi meno agitati e comunicando senza esitazioni.

Non lasciamo soli gli anziani

Uno dei problemi più incisivi sulla salute degli anziani è la solitudine a cui spesso sono destinati. Secondo una ricerca americana, la solitudine rischia di compromettere lo stato di salute generale e di uccidere gli anziani due volte di più dell’obesità. Dalla ricerca è emerso che coloro che si trovano a vivere in una condizione di solitudine e di isolamento abbiano una possibilità di morire del 45% più elevata rispetto a coetanei non abbandonati a sé stessi. La solitudine degli anziani è una piaga sociale che, oltre ad accentuare evidenti e prevedibili problemi di salute, legati alla normale decadenza senile, porta inevitabilmente una condizione emotiva e fisica più difficile da controllare: aumento della pressione sanguigna, abbassamento delle difese immunitarie, alti tassi di cortisolo, stress e disturbi del sonno. Vivere in solitudine significa anche avere una più scarsa possibilità di movimento e di spostamento, a causa di una progressiva perdita di autonomia. Uno stato prolungato di solitudine rischia oltretutto di alimentare il nascere di una insidiosa e maligna condizione psicologica: la depressione. Ci sono diversi modi per ovviare al problema della solitudine degli anziani. La casa di riposo Domus Santa Rita è la soluzione più adeguata per lenire i problemi di solitudine e ridotta autonomia che coinvolgono persone anziane, sebbene autosufficienti. Nei frenetici di oggi sembra, infatti, non esserci più spazio per le persone anziane che rimaste sole, con figli sempre più presi dai propri impegni quotidiani, vivono spesso isolate, in uno stato di disagio e perenne solitudine interiore. La famiglia difatti non sempre riesce a sopperire ai tanti bisogni di un anziano: essere accudito, essere accompagnato, essere ascoltato. La Casa di Cura a Roma Domus Santa Rita è una struttura destinata ad offrire servizi residenziali per brevi o lunghi periodi. Soggiornare presso la Casa di Riposo Domus Santa Rita significa essere assistiti 24 ore su 24 da uno staff qualificato ed incaricato di prendersi cura di ogni ospite, ma significa anche avere gli spazi e le opportunità per socializzare e frequentare persone della stessa età, in grado di comprendere le difficoltà e di condividere le medesime esigenze. In antitesi al triste e desueto concetto di casa di riposo, la nostra Casa di Cura a Roma per anziani s’impegna costantemente nel combattere il senso di solitudine tipico delle persone anziane. Un anziano attivo, partecipe e mentalmente occupato, sarà una persona più tutelata e protetta!

Per ulteriori informazioni sulla nostra struttura vieni a trovarci a Roma in Via Bolzano, Marina di Ardea oppure contattaci ai num. 06 913423 – 06 9134668.

demenza senile

DEMENZA SENILE: I PRIMI SINTOMI

Piccole dimenticanze, comportamenti bizzarri, disturbi del linguaggio: tutti sintomi attribuiti all’avanzare dell’età di una persona cara, ma che, spesso, possono essere avvisaglie di una demenza senile. Molte persone credono che la demenza senile sia una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento, in realtà si tratta di una patologia che colpisce direttamente il cervello causando la degenerazione delle facoltà mentali, emotive e comportamentali della persona. Ecco perché è indispensabile che il caregiver o comunque la persona vicina all’anziano, sappia riconoscere, sin da subito, i primi sintomi della demenza. Una diagnosi precoce della demenza senile è una delle principali armi disponibili per far fronte alla malattia. Esistono differenti forme di demenza, le più diffuse sono il morbo di Alzheimer, che riguarda il 50% dei casi e la demenza vascolare, causata dalla diminuzione del flusso ematico destinato all’encefalo. I segnali d’allarme possono essere molteplici. Il più frequente è la perdita di memoria, il malato potrebbe non essere in grado di ricordare avvenimenti accaduti recentemente. In casi particolarmente gravi potrebbe essere compromesso lo svolgimento delle attività quotidiane, persino le più semplici. Un altro campanello d’allarme sono i segnali di confusione, dovuti a delle alterazioni spazio-temporali che comportano per il malato l’incapacità di riconosce l’ambiente dove si trova; questo senso di confusione comporta anche l’usanza di riporre gli oggetti in luoghi insoliti o non consoni. I sintomi della demenza senile possono essere molto variabili, dipendono da quale zona del cervello viene colpita. Per gli anziani affetti da demenza senile è importante ricevere un aiuto continuo nello svolgimento delle attività quotidiane e nella pratica di esercizio fisico. L’assistenza di familiari e amici, non sempre, è sufficiente. In tal caso è opportuno rivolgersi ad una struttura attrezzata e specializzata. La casa di riposo Domus Santa Rita offre la possibilità di far seguire il proprio caro da un personale gentile e specializzato: l’anziano sarà tenuto costantemente sotto controllo e tutelato anche da personale medico e infermieri, in grado di soddisfare ogni esigenza del paziente.

Se sei alla ricerca di una casa di cura dove ricevere la migliore assistenza possibile nei pressi di Roma per il tuo caro, contattaci o visita il nostro sito.

ANZIANI: IL PIACERE DI ANDARE AL MARE

Con l’arrivo della terza età, magari con qualche problema di non autosufficienza, si è costretti a non vedere più il mare, per le difficoltà negli spostamenti, per mancanza di strutture idonee o della necessaria protezione sanitaria ed assistenziale. Grazie alla casa di cura Domus Santa Rita molti anziani possono riassaporare l’emozione di un bagno nel mare, di prendere il sole in spiaggia, di passeggiare sul bagnasciuga e vedere il sole che tramonta sull’acqua. La Casa di Riposo Domus Santa Rita offre ai propri ospiti benefici che vanno oltre quelli di qualunque casa di cura: a pochi metri dal mare, dispone di una spiaggia privata ed attrezzata per consentire una piacevole permanenza estiva e di tenere lontano caldo e afa, causa di malesseri nelle stagioni più calde. Quando fa molto caldo gli anziani sono i primi a soffrire in termini di salute. Con la nostra spiaggia ben curata, gli ospiti oltre a preservare salute e benessere, potranno trascorrere ore di piacere e convivialità, assieme ai propri cari o gli altri degenti. La nostra spiaggia è aperta anche ai familiari degli ospiti in visita. Del resto l’aria di mare non è soltanto piacevole, ma anche salutare: si possono combattere malattie respiratorie e cardiovascolari. Le giornate vengono programmate in base all’esigenze e ai bisogni dell’ospite.

Domus Santa Rita è la residenza per anziani ideale per soggiorni sereni e piacevoli. Contattaci per maggiori informazioni o visita la struttura.

COME PREVENIRE L’ALZHEIMER

La malattia di Alzheimer è una patologia degenerativa, cronica e progressiva nel cervello che distrugge le cellule celebrali e i neuroni che sono responsabili della connessione tra esse. E’ una malattia che inizia lentamente e peggiora con il tempo portando al declino delle capacità mentali e del comportamento. La persona colpita da Alzheimer ha disturbi nelle funzioni della memoria, del pensiero e della parola. Il principale fattore di rischio per il suo sviluppo è proprio l’età: dopo gli 85, due persone su dieci si trovano a fare i conti con questo tipo di demenza. Ma accanto a fattori di rischio, come appunto l’età, la genetica, ne esistono alcuni, legati allo stile di vita che possono ridurre o ritardare il rischio di ammalarsi di Alzheimer o di altre forme di demenza: un’alimentazione sana, esercizio fisico e allenamento della memoria. Gli studi scientifici recentemente si sono concentrati su questa innovativa e altamente rilevante area di indagine, mostrando come alcuni interventi possano migliorare la salute cognitiva e cerebrale degli anziani. L’attività fisica e il movimento in generale possono ridurre il rischio di demenza o Alzheimer: hanno un effetto positivo sulla pressione del sangue e sul peso di una persona, anche il livello glicemico rileva un’importante riduzione. Seguire una dieta equilibrata, in particolare quella mediterranea, si è rilevata efficace nel ridurre il rischio di sviluppare una Malattia di Alzheimer. Gli alimenti da consumare giornalmente e in quantità sono frutta e verdura, meglio se di stagione. Allenare la propria mente, impegnarsi in attività cognitive favorisce i meccanismi di plasticità celebrale. Imparare una nuova lingua, giocare a carte, leggere, imparare una poesia sono esercizi ideali e aiutano il cervello a prevenire ogni forma di demenza. Anche i contatti sociali possono dare un valido contributo alla riduzione del rischio-demenza: vedere regolarmente amici e familiari, prendere parte ad attività sociali e ricreative, avere scambi di idee, sono l’ideale per ‘‘rimanere giovani’’ dentro e fuori.

La nostra casa di riposo Domus Santa Rita garantisce la massima tutela al tuo caro affetto dal Morbo di Alzheimer. Se hai un caso di Alzheimer in famiglia, contattaci o visita la struttu

Perché l’intrattenimento è importante per gli anziani

Invecchiare è un fenomeno naturale, ma con il giusto intrattenimento è possibile tenere allenato il cervello dell’anziano con passatempi, giochi o lavoretti. Le persone anziane, nonostante le restrizioni fisiche e spesso anche psichiche, meritano di sentirsi, malgrado il trascorrere del tempo, importanti e attive. Adottare uno stile di vita ricco di stimoli, caratterizzato da attività adeguate all’età che avanza, porta effetti positivi sotto tanti punti di vista. Credere che un anziano debba restare a riposo continuo è un errore che può portare ad inerzia, depressione e disturbi legati al poco movimento fisico e psichico. Un problema ricorrente che affligge le persone della terza età riguarda la perdita di memoria: per combatterne gli effetti sono stati creati dei passatempi con cui si stimola quotidianamente l’attività cognitiva per preservare il cervello dall’invecchiamento fisiologico a cui è soggetto. Si tratta di una vera e propria ‘‘ginnastica mentale’’, che si svolge quasi inconsapevolmente, senza sforzo e divertendosi. Più il cervello funziona, più lavora e meno si deteriora. Inoltre è importante diversificare le attività ricreative per anziani in modo tale che ognuno possa avere la possibilità di cimentarsi in qualcosa di nuovo, prediligendo quelle che favoriscono un’atmosfera serena e allegra, volte a migliorare l’autostima dell’anziano, e non solo, a migliorare la mobilità fisica evitando uno stile di vita troppo sedentario. Le attività devono essere calibrate sulle abilità fisiche e psicologiche degli anziani, evitando quelle che potrebbero affaticarli o demotivarli. Sole, aria pura e buona compagnia sono il giusto mix per favorire il buonumore e la salute. Infatti è un’ottima idea quella di organizzare attività ricreative per anziani all’aria aperta, purché non comprendano giochi che richiedano un’eccessiva resistenza fisica. Le attività ricreative nella casa di riposo Domus Santa Rita sono garantite con particolare attenzione per una permanenza piacevole e serena. La Domus Santa Rita promuove molte attività che consentono all’anziano di ritrovare la propria dimensione, di svolgere esercizi consoni alle sue possibilità e di rafforzare le relazioni con gli altri ospiti.

LA VECCHIAIA NON CANCELLA IL BISOGNO DI SVAGO: SCOPRI DI PIU’ SULLA NOSTRA CASA DI RIPOSO.